[av_slideshow_full size=’no scaling’ stretch=’image_no_stretch’ animation=’slide’ autoplay=’false’ interval=’5′ control_layout=’av-control-default’ src=” attachment=” attachment_size=” position=’top left’ repeat=’no-repeat’ attach=’scroll’] [av_slide_full slide_type=’image’ id=’451′ video=’http://’ mobile_image=” video_format=” video_ratio=’16:9′ title=” custom_title_size=” custom_content_size=” caption_pos=’caption_bottom’ link_apply=” link=’lightbox’ link_target=” button_label=’Click me’ button_color=’light’ link1=’manually,http://’ link_target1=” button_label2=’Click me’ button_color2=’light’ link2=’manually,http://’ link_target2=” font_color=” custom_title=” custom_content=”][/av_slide_full] [/av_slideshow_full] [av_textblock size=’16’ font_color=” color=”]

Fare per conoscere. Conoscere per trasformare. Trasformare per regalare sinestesiche emozioni, uniche, totalizzanti, indelebili.

[/av_textblock] [av_slideshow_full size=’no scaling’ stretch=’image_no_stretch’ animation=’slide’ autoplay=’false’ interval=’5′ control_layout=’av-control-default’ src=” attachment=” attachment_size=” position=’top left’ repeat=’no-repeat’ attach=’scroll’] [av_slide_full slide_type=’image’ id=’453′ video=’http://’ mobile_image=” video_format=” video_ratio=’16:9′ title=” custom_title_size=” custom_content_size=” caption_pos=’caption_bottom’ link_apply=” link=’lightbox’ link_target=” button_label=’Click me’ button_color=’light’ link1=’manually,http://’ link_target1=” button_label2=’Click me’ button_color2=’light’ link2=’manually,http://’ link_target2=” font_color=” custom_title=” custom_content=”][/av_slide_full] [/av_slideshow_full] [av_two_fifth first] [av_image src=’http://filippocannata.com/wp-content/uploads/2015/02/light.jpg’ attachment=’465′ attachment_size=’full’ align=’center’ animation=’no-animation’ link=” target=” styling=” caption=” font_size=” appearance=”][/av_image] [/av_two_fifth] [av_three_fifth] [av_heading tag=’h3′ padding=’10’ heading=’L’”ascolto” di un’armonia perfetta’ color=” style=” custom_font=” size=” subheading_active=” subheading_size=’15’ custom_class=”][/av_heading] [av_toggle_container initial=’0′ mode=’accordion’ sort=”] [av_toggle title=’A Solopaca, sul Monte Pizzuto, un “caveau della vita” dove luce artificiale e luce naturale si fondono in un dialogo all’unisono con l’anima del luogo … Clicca per continuare a leggere’ tags=”] Immaginate un luogo fantastico a 600 metri di altezza, un luogo del benessere in cui il buio e il silenzio vi fanno compagnia. Una montagna con un enorme cuore blu cobalto e la scultura di uno sciamano alla ricerca dell’acqua, avvolto da una nube di luce. Qui vivete, vi assicuro, un’esperienza unica a contatto con la natura e con l’arte di Mimmo Paladino. E se vi dicessi che in questo scenario mozzafiato natura incontaminata e tecnologia all’avanguardia si intrecciano in una “corrispondenza di amorosi sensi”? Fibre ottiche e led ci hanno aiutato a creare un’atmosfera e un luogo “diversi”, difficilmente raccontabili, si può solo “viverli”! Se avete voglia di lasciarvi trascinare dal fascino di uno spazio senza tempo salite fin lassù, a Solopaca sul Monte Pizzuto: troverete un luogo che non dimenticherete facilmente.
[/av_toggle] [/av_toggle_container] [/av_three_fifth][av_slideshow_full size=’no scaling’ stretch=’image_no_stretch’ animation=’slide’ autoplay=’false’ interval=’5′ control_layout=’av-control-default’ src=” attachment=” attachment_size=” position=’top left’ repeat=’no-repeat’ attach=’scroll’] [av_slide_full slide_type=’image’ id=’454′ video=’http://’ mobile_image=” video_format=” video_ratio=’16:9′ title=” custom_title_size=” custom_content_size=” caption_pos=’caption_bottom’ link_apply=” link=’lightbox’ link_target=” button_label=’Click me’ button_color=’light’ link1=’manually,http://’ link_target1=” button_label2=’Click me’ button_color2=’light’ link2=’manually,http://’ link_target2=” font_color=” custom_title=” custom_content=”][/av_slide_full] [/av_slideshow_full] [av_two_fifth first] [av_image src=’http://filippocannata.com/wp-content/uploads/2015/02/design11.jpg’ attachment=’466′ attachment_size=’full’ align=’center’ animation=’no-animation’ link=” target=” styling=” caption=” font_size=” appearance=”][/av_image] [/av_two_fifth] [av_three_fifth] [av_heading tag=’h3′ padding=’10’ heading=’Clessidra Slowlight: Suggestioni in bella vista’ color=” style=” custom_font=” size=” subheading_active=” subheading_size=’15’ custom_class=”][/av_heading] [av_toggle_container initial=’0′ mode=’accordion’ sort=”] [av_toggle title=’Una riflessione e un racconto sul tempo, il tempo dell’Uomo … Clicca per continuare a leggere’ tags=”] Ho pensato ad una clessidra bucata e ho messo, al posto della sabbia fuggita, la mia materia preferita, la luce. Non la luce del nostro tempo però, quella di un tempo quando di tempo ce n’era tanto: la luce della candela, la luce del fuoco. Quella luce tremula, calda e vivida, che irradia la stanza disegnando ombre danzanti sui muri e brucia lentamente, come la vita che passa inesorabile. Dai buchi di “Clessidra” vedi, al posto della sabbia che scorre, la luce che scende piano, scorgi il fuoco e il suo lento consumarsi, ne avverti tutta la forza emotiva. E d’un tratto il “carpe diem” assume tutto un altro significato: il lusso, la fortuna più grande è proprio il Tempo, oggi sempre meno. Clessidra è un portafortuna, un totem in versione pret-à-porter per propiziare momenti di piacere. È insieme un messaggio, una promessa, un impegno. Come a dirsi, o a dire, “oggi mi prendo tutto il tempo necessario!”
[/av_toggle] [/av_toggle_container] [/av_three_fifth][av_slideshow_full size=’no scaling’ stretch=’image_no_stretch’ animation=’slide’ autoplay=’false’ interval=’5′ control_layout=’av-control-default’ src=” attachment=” attachment_size=” position=’top left’ repeat=’no-repeat’ attach=’scroll’] [av_slide_full slide_type=’image’ id=’455′ video=’http://’ mobile_image=” video_format=” video_ratio=’16:9′ title=” custom_title_size=” custom_content_size=” caption_pos=’caption_bottom’ link_apply=” link=’lightbox’ link_target=” button_label=’Click me’ button_color=’light’ link1=’manually,http://’ link_target1=” button_label2=’Click me’ button_color2=’light’ link2=’manually,http://’ link_target2=” font_color=” custom_title=” custom_content=”][/av_slide_full] [/av_slideshow_full] [av_two_fifth first] [av_image src=’http://filippocannata.com/wp-content/uploads/2015/02/wine1.jpg’ attachment=’467′ attachment_size=’full’ align=’center’ animation=’no-animation’ link=” target=” styling=” caption=” font_size=” appearance=”][/av_image] [/av_two_fifth] [av_three_fifth] [av_heading tag=’h3′ padding=’10’ heading=’Rieci: Sapore di autentica emozione’ color=” style=” custom_font=” size=” subheading_active=” subheading_size=’15’ custom_class=”][/av_heading] [av_toggle_container initial=’0′ mode=’accordion’ sort=”] [av_toggle title=’In compagnia di un buon bicchiere a contemplare il paesaggio nel silenzio. Godere del fascino nascosto e dell’essenza della terra di Chianche. … Clicca per continuare a leggere’ tags=”] Lavorare la terra, curare la vite, aspettare paziente il frutto del lavoro fatto e contemplarne l’esperienza. Rieci non è semplicemente vino. La vigna da cui nasce, bagnata di luce, è nel Territorio del Greco di Tufo dove il paesaggio offre uno scenario che sembra un’opera di Land Art. Ogni volta ne scopro un pezzo dalla cantina, attraverso le sue finestre disegnate ad hoc per incorniciare scorci davvero emozionanti. L’atmosfera profusa di queste zone ti consente di vivere in armonia con i luoghi e la gente, contemplando la perfezione e la generosità della natura. Non puoi silenziosamente fare altro che ascoltare! Rieci è il mio sogno possibile, è una passione, un’emozione che racconta la luce, i colori, i profumi specifici della nostra terra, irripetibili altrove, senza i quali questo elemento vibrante di vita sarebbe altro da ciò che è. Rieci è una magia. Al palato sa raccontare una storia emozionante!
[/av_toggle] [/av_toggle_container] [/av_three_fifth][av_slideshow_full size=’no scaling’ stretch=’image_no_stretch’ animation=’slide’ autoplay=’false’ interval=’5′ control_layout=’av-control-default’ src=” attachment=” attachment_size=” position=’top left’ repeat=’no-repeat’ attach=’scroll’] [av_slide_full slide_type=’image’ id=’456′ video=’http://’ mobile_image=” video_format=” video_ratio=’16:9′ title=” custom_title_size=” custom_content_size=” caption_pos=’caption_bottom’ link_apply=” link=’lightbox’ link_target=” button_label=’Click me’ button_color=’light’ link1=’manually,http://’ link_target1=” button_label2=’Click me’ button_color2=’light’ link2=’manually,http://’ link_target2=” font_color=” custom_title=” custom_content=”][/av_slide_full] [/av_slideshow_full] [av_two_fifth first] [av_image src=’http://filippocannata.com/wp-content/uploads/2015/02/WORKSHOP1.jpg’ attachment=’457′ attachment_size=’full’ align=’center’ animation=’no-animation’ link=” target=” styling=” caption=” font_size=” appearance=”][/av_image] [/av_two_fifth] [av_three_fifth] [av_heading tag=’h3′ padding=’10’ heading=’L’esperienza del “toccare con mano”’ color=” style=” custom_font=” size=” subheading_active=” subheading_size=’15’ custom_class=”][/av_heading] [av_toggle_container initial=’0′ mode=’accordion’ sort=”] [av_toggle title=’Trasferire esperienze e conoscenze, e poi pervenire insieme a nuove risposte, frutto di spunti nostrani … Clicca per continuare a leggere’ tags=”]

Le lezioni e i workshop che tengo in Italia e all’estero sono un’occasione per relazionarmi con il mondo dell’università, fucina dei “professionisti del progetto”. Raccontare l’esperienza di una vita trascorsa a lavorare in giro per il mondo con la luce è portare all’interno dell’università un punto di vista più operativo, di vissuto, è diffondere la cultura della luce presso le giovani generazioni e far conoscere la figura del lighting designer, spesso (troppo spesso!) sconosciuta o sottovalutata. Il rammarico è che ogni volta ti accorgi che nella formazione dei futuri architetti la luce non è adeguatamente contemplata e che mancano quasi del tutto attività laboratoriali in tal senso. Allora poi accade che l’architetto, nel suo lavoro, pensa all’illuminazione troppo tardi quando ormai i “giochi sono fatti”, oppure non ci pensa affatto, a svantaggio del benessere del cliente, dell’”uomo” che vive di luce. Ben vengano incontri, confronti, tavoli con molte sedie intorno dove ci si “sporca le mani”. Ben vengano esperienze, consapevolezze, abitudini creative!

[/av_toggle] [/av_toggle_container] [/av_three_fifth][av_slideshow_full size=’no scaling’ stretch=’image_no_stretch’ animation=’slide’ autoplay=’false’ interval=’5′ control_layout=’av-control-default’ src=” attachment=” attachment_size=” position=’top left’ repeat=’no-repeat’ attach=’scroll’] [av_slide_full slide_type=’image’ id=’459′ video=’http://’ mobile_image=” video_format=” video_ratio=’16:9′ title=” custom_title_size=” custom_content_size=” caption_pos=’caption_bottom’ link_apply=” link=’lightbox’ link_target=” button_label=’Click me’ button_color=’light’ link1=’manually,http://’ link_target1=” button_label2=’Click me’ button_color2=’light’ link2=’manually,http://’ link_target2=” font_color=” custom_title=” custom_content=”][/av_slide_full] [/av_slideshow_full] [av_two_fifth first] [av_image src=’http://filippocannata.com/wp-content/uploads/2015/02/progetti.jpg’ attachment=’460′ attachment_size=’full’ align=’center’ animation=’no-animation’ link=” target=” styling=” caption=” font_size=” appearance=”][/av_image] [/av_two_fifth] [av_three_fifth] [av_heading tag=’h3′ padding=’10’ heading=’“Fiutare” la strada vincente, dritta verso il cuore’ color=” style=” custom_font=” size=” subheading_active=” subheading_size=’15’ custom_class=”][/av_heading] [av_toggle_container initial=’0′ mode=’accordion’ sort=”] [av_toggle title=’Parliamo di intuizione istantanea, di folgorazione, di sensazione di pancia come di una forza misteriosa che ci spinge ad agire, come di qualcosa che è impossibile esplicitare e condividere. … Clicca per continuare a leggere’ tags=”]

Non c’è formula chimica che tenga. Ogni volta si comincia allo stesso modo, conosci il cliente, ascolti le sue esigenze e parti con un’idea. Poi durante il percorso il progetto prende una via diversa, la “sua via”. Ogni volta sei catapultato in un’esperienza nuova e intrigante, con il suo fascino, le sue difficoltà, le sue “turbolenze interiori” che ti spingono a superare il tuo limite, per meravigliare e meravigliarti un’altra volta. La soluzione arriva di colpo, magari nei momenti più impensati, l’intuizione del lampo di genio! Un’immagine che riaffiora alla mente trascinando con sé atmosfere, luoghi, spazi visti o anche solo immaginati, richiamando l’insieme delle sensazioni provate in quella circostanza. Il resto arriva come una naturale, logica conseguenza. Storia e progetto, tecnica e fantasia, il racconto di un’altra piccola storia inizia, e un altro pezzo si aggiunge al puzzle dell’esperienza, della memoria e della conoscenza.

[/av_toggle] [/av_toggle_container] [/av_three_fifth]

Tempio di Serapide – TGR

Illuminazione dell’Obelisco Egizio di Benevento

“L’importanza del progetto di illuminazione in una villa” – Intervista a Filippo Cannata

Chiedi una consulenza

Categorie

Personali Ispirazioni che mi guidano nel mondo del Sense Design

Copertina libro le stanze della luce di Filippo Cannata

Archivio Articoli