Streghe in Luce: si accendono le luminarie disegnate dai bambini

Abbiamo detto no alle luminarie natalizie tutte uguali e stereotipate che offendono la cultura e la tradizione delle nostre città. Lo scorso 8 dicembre, con Streghe in Luce, grazie al nostro nuovo sindaco on. Clemente Mastella, abbiamo riscritto la storia delle luminarie cittadine, dando spazio ad un racconto narrato con un linguaggio semplice, bello e sincero: il linguaggio dei nostri bambini. Contro un modo di fare omologato che vede luminarie uguali dappertutto che fa sembrare le città tutte identiche abbiamo scelto il linguaggio più semplice e più genuino ed è così che le luminarie disegnate dai bambini, hanno preso vita ed hanno trasformato Benevento in una favola da raccontare a Natale. Una favola che racconta le nostre tradizioni, la nostra storia, la nostra identità.

“Streghe in Luce”, le luminarie di natale disegnate dai bambini hanno conquistato tanti cittadini e fatto registrare un boom di presenze nel centro storico. Campane a festa in piazza Orsini dove un coro di mille bambini, diretto dal Conservatorio “Nicola Sala”, alla presenza del sindaco on. Clemente Mastella, ha inaugurato la serie di eventi facendo risuonare nell’aria le melodie della tradizione natalizia.

Streghe in Luce: si accendono le luminarie disegnate dai bambini

Al termine del coro delle mille voci, un vero e proprio bagno di folla in Corso Garibaldi fino a piazza Castello, dove sono state istallate le luminarie divenute realtà dalla fantasia dei piccoli artisti delle scuole di Benevento e dove è stato acceso il tecnologico albero alto 25 metri: l’arteria pedonale, quest’anno per la prima volta, è stata illuminata in un modo del tutto singolare e che è destinato ad essere ricordato negli anni a venire dai cittadini di Benevento e non solo.

Streghe in Luce: si accendono le luminarie disegnate dai bambini

La luce, grazie a Streghe in Luce, è diventata creatrice di emozioni, suggestioni e racconti, ed è stata altrettanto capace di stimolare un’economia virtuosa, legata al territorio in cui cresce e si sviluppa.

Streghe in Luce: si accendono le luminarie disegnate dai bambini

Si è trasformata, in questo caso, in uno strumento di promozione e marketing territoriale, puntuale ed efficace, che recupera storia, tradizione e soprattutto identità da custodire e valorizzare. Con Streghe in Luce sarà più semplice riscoprire il senso della festa più bella dell’anno, riassaporare la magia del vero Natale con un’iniziativa economica e sostenibile.

Streghe in Luce nasce da un’idea più ampia, un progetto nato nel 2004, Natalecoibambini, da un laboratorio di sperimentazione già fatto a San Lorenzello, in provincia di Benevento, e che negli anni successivi è stato portato in altre città d’Italia, come Modica e Sant’Angelo dei Lombardi.  I caratteristici vicoli dell’antico paesello beneventano, trasformati in una Bomarzo luminosa, con animali fantastici e figure surreali a dialogare con le facciate dei palazzi, hanno condotto i visitatori in una dimensione onirica, capace di far rivivere l’atmosfera perduta di un tempo.Streghe in Luce: si accendono le luminarie disegnate dai bambini

Con Streghe in Luce, Benevento riscopre l’atmosfera di un passato grazie alla lungimiranza del sindaco on. Clemente Mastella e grazie ad un evento che ha lo scopo di esaltare la storia, la cultura e l’identità del territorio. Un evento di valorizzazione urbana e un forte attrattore di flusso. Un evento internazionale ad elevata densità emozionale.

Le luminarie realizzate sulla base dei disegni dei bambini hanno una carica emotiva ed evocativa assolutamente più forte di ogni luminaria preconfezionata perché hanno in più la purezza, la libertà di espressione, la semplicità, scevra da ogni luogo comune o eccessiva ricerca della forma, ma soprattutto una favola emozionante raccontata dai bambini che diventeranno il futuro della società.